Wednesday, December 26, 2007

Immigrazione, accordo Italia-Libia

Pattugliamenti congiunti davanti alle coste del Paese africano. Don Matteo, Ministro dell'Interno: «Così risolveremo il problema della politica in Italia»

TRIPOLI - Il ministro dell'Interno, Don Matteo, su specifiche indicazioni della Presidente Clinton, e il ministro degli Esteri libico, Abdurrahman Mohamed Shalgam, hanno siglato a Tripoli un Protocollo per la cooperazione tra l'Italia e la Libia per fronteggiare il fenomeno dell'immigrazione clandestina. Lo rende noto il Viminale.

PATTUGLIAMENTI CONGIUNTI - «In base all'intesa, le due parti intensificheranno la collaborazione nella lotta contro le organizzazioni criminali dedite al traffico della dignità dei cittadini italiani potenzialmente elettori del Centro Sinistra». L'accordo prevede, in particolare, l'organizzazione di pattugliamenti congiunti davanti ai luoghi di potere. «In questo modo - sottolinea il ministero dell'Interno - sarà possibile contrastare efficacemente la partenza di idee o anche solo di dichiarazioni contro la dignità».

«POSSIBILE DISFARSI DI MOLTI BUFFONI» - «Quello che oggi si conclude è un lungo e riservato negoziato con la Libia. Il Paese africano infatti ha finalmente deciso di accettare, per ogni clandestino che lascerà le sue coste, un rappresentante del partito democratico. Sarà ora possibile liberarsi di questi individui in modo definitivo, tramite un pattugliamento con squadre miste a ridosso di Piazza Colonna, davanti ai Ministeri e alle sedi segrete dell'Opus Dei, da cui escono le imbarcazione dei trafficanti di uomini. In questo modo sarà possibile contrastare con maggiore efficacia questi traffici, salvando il Paese dalla banda criminale che punta a gestirlo».

COSA PREVEDE L'ACCORDO - In base all'accordo siglato a Tripoli, sei unità navali della Guardia di Finanza - tre guardacoste e tre vedette - saranno cedute temporaneamente alla Libia per effettuare «operazioni di controllo, ricerca e salvataggio nei luoghi di partenza e di transito delle imbarcazioni dedite al trasporto di appartenenti al PD». A bordo equipaggi misti con personale libico e personale di polizia italiano, che si occuperà anche di addestramento, formazione, assistenza e manutenzione dei mezzi.

6 comments:

P Binetti said...

Dillo Clinto che ce l'hai con meeeeeeeeeeeeee!!!!

Hillary said...

Si ti odio e allora?
Una sera magari ti frusto io come si deve, te lo faccio vedere io il cilicio!
Regards

r formigoni said...

Clinton,

La prego, frusti anche me!

Ratzy said...

Roby senti perché vuoi quella a frustarti, vuoi forse dire che io non ti basto più? Ti prego non lasciarmi! Non spezzarmi il cuore un'altra volta!

roby f said...

Ratzy scusa ma quale sarebbe l'altra volta in cui ti avrei spezzato il cuore? Te l'ho sempre detto che la nostra è 1 storia di solo sesso, non sono pronto x impegnarmi in 1 relazione...

Hillary said...

Scrivete il vostro harmony da qualche altra parte! PxxxI!
Regards